21 Oct
21Oct

FOTO ©INAH 


a cura della redazione, 24 ottobre 

In un patio sommerso a Uxmal, l'antica città Maya fondata intorno al 700 d.C., un team di ricercatori guidati da José Huchim Herrera ha scoperto una stele raffigurante un dio e una dea. Lo ha annunciato il direttore dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) del Messico, Diego Prieto, spiegando che si tratta di "una doppia stele commemorativa scolpita su entrambi i lati". Il monumento potrebbe rappresentare la dualità tra la vita e la morte, raffigurazioni comuni nelle regioni culturali di Puuc e Chenes nella penisola meridionale dello Yucatán. 

VIDEO ©LaJornnada

Su un lato del monumento è scolpita l'immagine di una dea con grandi occhi, il petto nudo e riccioli agli angoli della bocca. Ella sua mano sinistra un uccello quetzal. Indossa una decorazione pettorale con tre file di perle, bracciali con dettagli intarsiati e una lunga gonna reticolata che arriva fino ai talloni . Sul lato opposto della stele è stata scolpita l'immagine di un dio che potrebbe rappresentare la vita. Viene mostrato con indosso un copricapo di piume a tesa di gufo, un mantello, bracciali, un perizoma e bende che fasciano le gambe. Tiene un bastone nella mano sinistra e un fagotto nella destra. 

FOTO ©INAH

Il Sunken Patio, dove è stata ritrovata la stele, fa parte del gruppo chiamato El Palomar, un complesso architettonico in cui il primo è un seminterrato su cui posa il secondo, seguito da un altro quadrilatero e da un altro seminterrato sul quale sorge il Tempio Sud, secondo un modello triadico. Il nome del gruppo è dovuto dalla conformazione del frontone a nido, formato da nove unità triangolari sfalsate e traforate che poggiano su una fila di pilastri, detti "cresta di tipo peninsulare", nel tipico stile della prima architettura Puuc (tra il 670 e il 770 d.C.).

VIDEO ©UnoTV

La stele è stata scoperta nell'ambito del Programma per il miglioramento dei siti archeologici (Promeza), che intraprende progetti archeologici lungo il percorso del Treno Maya . Il direttore dell'INAH ha affermato che “l'importanza della scoperta sta nel fatto che è stata trovata 'in situ'”, ovvero nello stesso luogo in cui i Maya l'hanno lasciata: il patio sommerso dell'antica città situata a 62 chilometri a sud di Mérida. Uxmal, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1996, fa parte della Strada del Puuc (una raccolta di cinque antichi siti Maya nello Yucatán). 

FOTO Wikimedia Commons

Il nome del sito potrebbe derivare da oxmal, che significa "costruito tre volte" e forse si riferisce alla sua antichità e al numero di volte in cui la città Maya dovette essere ricostruita. Si ipotizza anche un'etimologia dal termine uchmal, che significa “ciò che verrà”, “il futuro”, un'idea che coincide con la tradizione secondo cui Uxmal fosse una “città invisibile”, costruita in una notte dalla magia di un re nano nato da un uovo.Il riferimento più antico a questa splendida città si trova nel Chilam Balam di Chumayel, dove si dice: “I sacerdoti di Uxmal veneravano Chac, i sacerdoti dei tempi antichi. E Hapai Can è stato portato sulla sua nave. Quando è arrivato, le mura di Uxmal erano segnate di sangue…


RIPRODUZIONE RISERVATA ©enigmaxnews.com