12 Mar
12Mar

a cura della redazione, 12 marzo

Chi e perché più di 12.000 anni fa, ritrasse una stupefacente gamma di bestie dell'era glaciale? Bradipi giganteschi delle dimensioni di un'auto, enormi erbivori, elefanti preistorici e un animale simile a un cervo con un muso allungato. Questi giganti estinti sono tra i molti animali immortalati in un fregio di pitture rupestri lungo 13 chilometri. Siamo a Serranía de la Lindosa, nella foresta pluviale amazzonica colombiana. Un nuovo studio, pubblicato lunedì sulla rivista Philosophical Transactions of the Royal Society, ci parla di arte creata da alcuni dei primi esseri umani a vivere nell'attuale Colombia centro-meridionale. Jose Iriarte, professore presso il Dipartimento di Archeologia dell'Università di Exeter (Regno Unito), pensa che il murale sia stato dipinto nel corso di secoli, se non di millenni, e potrebbe rappresentare l'arrivo degli umani in Sud America, l'ultima regione ad essere colonizzata dall'Homo sapiens mentre si diffondevano in tutto il mondo dall'Africa, loro luogo di origine. 

FOTO ©Iriarte, José; Ziegler, Michael J.; Outram, Alan K.; Robinson, Mark; Roberts, Patrick; Aceituno, Francisco J.; et al. (2022): Supplementary material from "Ice Age megafauna rock art in the Colombian Amazon?". The Royal Society. Collection -  Mappa delle Americhe che mostra i più importanti siti archeologici, rupestri e paleontologici menzionati nel testo in cui la megafauna dell'era glacialela è stata documentata o raffigurata

Questi pionieri del nord avrebbero affrontato animali sconosciuti in un paesaggio sconosciuto. Iriate suggerisce che gli esseri umani moderni in migrazione avrebbero potuto incontrare una tale megafauna dell'era glaciale durante il loro viaggio in Sud America. Tra gli animali raffigurati spiccano un gomphothere (una creatura simile a un elefante con la testa a cupola e le orecchie svasate), un lignaggio estinto di cavallo con un collo spesso, un enorme camelide o lama, e un ungulato a tre dita con un tronco. Sebbene i pigmenti rossi utilizzati per realizzare l'arte rupestre non siano stati ancora datati direttamente, Iriarte ha affermato che i frammenti di ocra trovati negli strati di sedimenti durante gli scavi del terreno sotto le pareti rocciose verticali dipinte risalgono a 12.600 anni fa. Se un agente legante contenente carbonio è stato aggiunto all'ocra per creare i dipinti, i ricercatori potrebbero essere in grado di datare direttamente l'arte rupestre.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334