17 Mar
17Mar

a cura della redazione, 17 marzo

Gli archeologi  hanno scoperto un'elaborata offerta Mexica contenente 164 stelle marine nell'edificio circolare noto come Cuauhxicalco, descritto nei resoconti del XVI secolo come il luogo in cui furono cremati i sovrani di Tenochtitlan. È la più grande offerta rituale mai scoperta nel recinto del TemploMayor, che combina elementi simbolici di terra e acqua, come una statuetta di resina copale e il corpo di un giaguaro femmina, armato di “atlatl”, una lancia ad elica, insieme a innumerevoli organismi marini: coralli, pesci palla, lumache e stelle marine, i cui resti archeologici sono indagati dal 2019 dal Ministero federale della Cultura, attraverso il Progetto Templo Mayor (PTM), dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH). L'abbondanza di questa offerta, non solo la pone come il maggior numero di stelle marine tra tutte quelle scoperte nell'antico Recinto Sacro di Tenochtitlan, ma rappresenta anche un caso unico di conservazione di uno di questi echinodermi, la Nidorellia armata, scoperto alla fine del 2021 dall'archeologo Miguel Báez Pérez e dallo specialista Tomás Cruz Ruiz, che come un fossile conserva la sua forma quasi intatta, nonostante il passare del tempo. Fu, forse, una delle prime stelle che i sacerdoti Mexica collocarono nell'offerta, così quando ricevette il peso del giaguaro e di tutti gli elementi, affondò in quello che si crede essere uno strato di fibra sottostante, preservandone il segno della sua struttura interna e dei suoi 22 centimetri di lunghezza.

Foto ©Meliton Tapia INAH

Questa situazione è insolita, poiché i resti delle altre 163 stelle sono dispersi, a causa della naturale perdita della loro materia organica. La stratigrafia collocherebbe l’offerta rituale nella sesta fase di costruzione, datandola intorno al 1500, la fine del regno del grande condottiero Ahuitzotl e l'inizio del regno del suo successore Moctezuma Xocoyotzin. Durante il governo di Ahuízotl, i Mexicas stabilirono rotte commerciali, insieme alla loro espansione militare in varie parti della Mesoamerica, da qui la presenza a Tenochtitlan di coralli portati dal Golfo del Messico, stelle marine dall'Oceano Pacifico e l'esemplare femmina di giaguaro originaria da regioni lontane come Soconusco, un territorio situato tra quello che oggi è il Chiapas e il Guatemala.Nella loro visione del mondo, i Mexica mettevano in relazione stelle marine e giaguari con il cielo notturno e la notte, essendo questo felino un'immagine associata al dio Tezcatlipoca, nella sua rappresentazione del viaggio interiore verso l'Aldilà. Una buona parte dei popoli mesoamericani credeva che l'origine del mondo fosse legata al mare, quindi gli organismi marini erano trattati come reliquie. Nel caso dei Mexicas, la loro potenza militare ha permesso loro di portare migliaia di oggetti marini e ricreare un intero ambiente acquatico nella stessa Tenochtitlan. L'offerta è così complessa e densa che gli archeologi stanno ancora recuperando tutti i suoi elementi, frammento per frammento, in modo che possano essere analizzati in laboratorio. Il conteggio finale delle stelle marine potrebbe aumentare ulteriormente. Gli esperti suggeriscono da anni che i resti di Ahuitzotl, Axayacatl o Tizoc potrebbero essere sepolti nel centro di Cuauhxicalco, il cerchio di 16 metri di diametro dove l'élite di Tenochtitlan eseguiva cerimonie di enorme importanza. D'altra parte, i cronisti cinquecenteschi affermano che le spoglie di diversi sovrani, cremate quando morirono, furono depositate ai piedi del Grande Tempio, insieme a offerte simili a quella appena ritrovata della femmina del giaguaro e della stella marina.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334