08 Nov
08Nov

FOTO ©Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità 


a cura della redazione, 8 novembre 

Scendendo a tredici metri di profondità, sotto il Tempio di Taposiris Magna, a pochi chilometri dall'antica capitale egizia di Alessandria, un team di archeologi ha scoperto un tunnel segreto. Secondo le prime teorie, il cunicolo lungo oltre un chilometro, in parte sommerso dal Mediterraneo, potrebbe portare alla tanto agognata tomba di Cleopatra, uno dei grandi misteri dell'umanità.

FOTO ©Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità 

Il Ministero egiziano del Turismo e delle Antichità ha annunciato il ritrovamento, descrivendo il tunnel come "un prodigio della tecnica ingegneristica antica", per molti aspetti simile al tunnel di Eupalinos sull'isola greca di Samos. A scoprirlo l'archeologa Kathleen Martinez dell'Università di Santo Domingo, da tempo è impegnata nelle ricerche sull’ultima sovrana del periodo tolemaico (51 al 30 a.C.). 

FOTO ©Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità 

Un suggerimento in tal senso verrebbe dalle monete con immagini dell'ultima regina d'Egitto rinvenute nel sito, ma le probabilità di trovare la tomba di Cleopatra per alcuni archeologi sono dell’1%. Trovare i resti dell'ultima donna faraone d'Egitto sarebbe la scoperta più importante del XXI secolo. Al momento abbiamo ancora più domande che risposte. Il tunnel presenta zone praticamente cieche, causate dai terremoti della zona negli ultimi decenni. 

FOTO ©Ministero Egiziano del Turismo e delle Antichità 

Al suo interno sono stati ritrovati anche manufatti mai visti prima e tra gli oggetti rinvenuti ci sono statue decapitate della dea Iside. Finora gli scavi hanno rivelato mummie con lingue d'oro e un cimitero contenente mummie in stile greco-romano sepolte di fronte al tempio, a sostegno della teoria di Martinez secondo cui nell'area fu costruita una tomba reale. Oltre al tunnel, l'ultimo ritrovamento comprende due statue di alabastro di epoca tolemaica, una delle quali sembra essere una sfinge, oltre a diversi vasi diversi in ceramica e un blocco rettangolare di calcare.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©enigmaxnews.com