30 Jun
30Jun

a cura della redazione 30 giugno

Dopo essere state separate per 3.000 anni, sepolte in due distinte fosse sacrificali nel sito archeologico di Sanxingdui, nella Cina sud occidentale, una enigmatica scultura di una divinità con testa umana su corpo di serpente, dissotterrata lo scorso giugno, è stata riunita con una misteriosa effige a forma di zampa di uccello rinvenuta 38 anni prima. La statua, in bronzo, era stata fusa in tre parti poi saldate insieme: una base a urna; la parte centrale con la testa antropomorfa con occhi, zanne e corna sporgenti, su un corpo di serpente; e sopra la testa uno zun, un recipiente per bere, a forma di tromba di cinabro. Le tre sezioni combinate costituiscono una scultura alta più di un metro e mezzo che rappresenta una figura mitologica diversa dalle consuete iconografie del regno Shu dell'età del bronzo, cui si pensa appartenga. Gli archeologi ipotizzano si tratti della rappresentazione di una divinità. Quale non è ancora chiaro.

Foto per gentile concessione del Museo Sanxingdui A destra parti sparse di una scultura in bronzo recentemente rinvenuta nella fossa sacrificale n. 8 nel sito delle rovine di Sanxingdui (foto scattata dal giornalista della Xinhua Shen Bohan il 1 giugno 2022); al centro la zampa di uccello in bronzo portata alla luce dalla fossa sacrificale n. 2 nel 1986 (foto scattata il 15 giugno 2022 e fornita dal Museo Sanxingdui); a sinistra la combinazione delle due parti (foto scattata da Lu Haizi il 15 giugno 2022), nella provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina.

Foto per gentile concessione del Museo Sanxingdui

Il corpo serpentino, girato all'indietro, sembra compiere una torsione ascensionale che riflette simbolicamente l'importanza dell'elemento sacrificale nell'evoluzione spirituale di chi nasce a nuova vita, dopo la morte. Inoltre, la figura ha cinque ciocche di capelli ed è unica nel suo genere. Le le altre sculture in bronzo, fino ad oggi rinvenute nel sito, mostrano capelli intrecciati o una sorta di chignon.

Foto per gentile concessione del Museo Sanxingdui

La parte con l'artiglio di uccello rinvenuta nel 1986 era chiaramente incompleta, ma gli studiosi non ne comprendevano la funzione né il verso in cui fosse utilizzata. osservandola, sembra la zampa di una creatura che indossa una "gonna aderente" con un motivo a nuvole, da cui emergono due artigli che stringono le teste di due uccelli dal collo lungo. Dopo essere stata esposta per anni a testa in giù al Museo di Sanxingdui, si è scoperto che mancava la sua metà anteriore: la "vita" della "gonna" si adatta perfettamente a un'appendice ricurva sul retro della statua scoperta di recente. 

Foto per gentile concessione del Museo Sanxingdui - LEGGGI anche "CORRISPONDENZE TRA L'ANTICA CINA E I MAYA. LO DICONO GLI ESPERTI"

Scoperte originariamente alla fine degli anni '20, le rovine di Sanxingdui sono una delle più grandi scoperte archeologiche al mondo del XX secolo. Situate nella città di Guanghan, si ritiene che le rovine, che coprono un'area di 12 chilometri quadrati, siano i resti del regno di Shu, una civiltà che risale ad almeno 4.800 anni fa. All'inizio del 1986, gli archeologi hanno scoperto migliaia di preziose reliquie culturali nelle fosse 1 e 2, tra cui uno scettro d'oro e un albero sacro di bronzo, che hanno suscitato interesse in tutto il mondo. 

Foto per gentile concessione del Museo Sanxingdui 

Un team congiunto di archeologi dell'Istituto di Ricerca sulle reliquie Culturali e Archeologiche della provincia del Sichuan, l'Università di Pechino, l'Università di Sichuan e altri istituti di ricerca, ha scavato altre sei fosse del sito dal 2020. Gli scavi tra marzo e agosto 2021 hanno portato alla scoperta di oltre 80 tombe antiche e più di 10 siti di rovine di abitazioni che risalgono alla dinastia Zhou occidentale (1046 a.C.- 771 a.C.) e al periodo delle primavere e degli autunni (770 a.C. - 476 a.C.). Nello scavo più recente, gli archeologi hanno trovato 3.155 reliquie relativamente intatte, tra cui più di 2.000 oggetti in bronzo e statue. Finora, nel sito sono stati rinvenuti più di 50.000 oggetti di bronzo, giada, oreficeria, ceramica e avorio.

Foto per gentile concessione del Museo Sanxingdui

I ricercatori hanno descritto una scatola a forma di guscio di tartaruga in bronzo e giada come uno dei loro reperti più intriganti, data la sua forma distintiva, l'arte raffinata e il design ingegnoso. Sebbene non sappiamo a cosa servisse, presumono si tratti di un tesoro. 

Foto per gentile concessione del Museo Sanxingdui

Nella stessa fossa numero 8 i ricercatori hanno rinvenuto un altare di bronzo alto quasi un metro. Si pensa fosse utiilizzato per fare offerte al cielo, alla terra e ai loro antenati. Tracce, intorno alle fosse, di bambù, canne, semi di soia, bovini e cinghiali suggeriscono che questi fossero tutti offerti come sacrifici.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334