24 Feb
24Feb

SCOPRI IL MONDO DI FENIX Il Mensile sui Misteri della Storia e del Sacro 

L'INAH annuncia l’interpretazione iconografica di un imponente rilievo rinvenuto nella zona archeologica della città sacra di Atzompa… 


a cura della redazione, 24 febbraio

I ricercatori dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico (INAH) hanno interpretato l’iconografia su un fregio in pietra calcarea e stucco in un complesso monumentale noto come “Casa del Sur” nel Messico meridionale. Il testo presenta glifi dell’iconografia zapoteca e mixteca, numeri e l’immagine di un quetzal che allude alla protezione soprannaturale e a un tempo senza tempo. Sono presenti anche figure di scimmie, giaguari e il quinconce, un disegno geometrico che simboleggia le quattro direzioni e il centro dell’Universo. 

FOTO ©INAH

Il potere religioso, politico e sociale che Atzompa ebbe nell’organizzazione della capitale zapoteca, Monte Albán, nel periodo tardo classico (600-900 d.C.), e gli importanti rapporti che instaurò con la regione mixteca, sono alcuni dei dettagli svelati nella recente interpretazione iconografica del grande fregio rinvenuto tre anni fa, in quel complesso monumentale nella regione di Oaxaca. Scoperta nella stagione di scavi 2018 dai membri del Progetto Archeologico Congiunto Monumentale di Atzompa, guidato dalla ricercatrice dell’INAH, Nelly Robles García, tale elemento architettonico è un esempio della scrittura zapoteca dell’epoca, elaborata in altorilievo su calcare e stucco. Secondo l’archeologo, il fregio, la cui lunghezza del segmento meglio conservato finora scoperto è di 15 metri - il che lo rende il più lungo testo scritto zapoteco esplorato e registrato nella valle - contiene una serie di glifi caratteristici dell’iconografia zapoteca e mixteca, tra cui quella dell’anno mixteco Lucertola (Chila). 

FOTO ©INAH

Per la posizione, sappiamo che si tratta di un messaggio o discorso di potere, associato alla funzione-uso dello spazio di questa residenza, un messaggio che si può percepire camminando lungo la strada che delimita la strada tra il Ballcourt principale del sito e della Piazza Cerimoniale A”, spiega Robles García nel comunicato stampa. Il ricercatore del Centro INAH di Oaxaca ha indicato che questo elemento è stato trovato incorniciato da doppie tavole scapolari sulle facciate Est e Nord della “Casa del Sur”. Gli zapotechi, sgomberando lo spazio, lo distrussero parzialmente e vi posero sopra una serie di stanze. Prima del suo abbandono depositarono anche una serie di vasi di grande formato e frammenti di urne, rinvenute sui pavimenti in stucco, forse con l’intento di demistificare gli spazi. Il fregio fa parte della penultima fase costruttiva della residenza, che è stata collocata intorno al periodo dell’occupazione Monte Albán IIIB-IV che, secondo la cronologia stabilita da Alfonso Caso, Ignacio Bernal e Jorge R. Acosta, tra il 650  e l’850 d.C, periodo di massimo apogeo del sito. 

FOTO ©INAH

Questo tipo di fregi è replicato nella parte meridionale della facciata principale, anche se purtroppo quel segmento mostra notevoli danni. Gli studiosi ritengono che il fregio completo misurasse circa 30 metri di lunghezza e che fosse posto lungo l’intera facciata orientale o principale, il che rende l’unità residenziale di alto pregio, non solo per Monte Albán ma per l’intera Valle di Oaxaca.   “Materiali come calcare e stucco richiedono un alto grado di specializzazione per la loro manipolazione e restauro, per cui il fregio della Casa del Sur di Atzompa è da considerarsi uno degli elementi più importanti tra le priorità di conservazione dell’Istituto”, sottolinea il ricercatore. Tale ornamento architettonico è un’importante manifestazione della visione cosmogonica degli zapotechi del periodo classico, che si riferisce al rapporto costante che esisteva tra la popolazione comune e le forze o elementi soprannaturali. Tutte le prove archeologiche rinvenute ad Atzompa supportano le argomentazioni per ipotizzare questa connessione. Le indagini sono ancora in corso e il ricercatore del Centro INAH di Oaxaca, César Dante García Ríos, sta lavorando nella parte settentrionale della residenza per definire i reperti riguardanti di un altro fregio presente in quello spazio, legato a immagini iconiche del potere mixteco.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346