11 Dec
11Dec

Foto ©DL Xu, P. Wertmann, M. Yibulayinmu


University of Zurich, 8 dicembre

Un team internazionale di ricercatori guidati da Patrick Wertmann ha analizzato un set quasi completo di armature in scaglie di cuoio scoperte in una tomba in una regione estremamente arida della Cina nordoccidentale. Il design dell'armatura indica che è stata realizzata nell'impero neo-assiro, che includeva parti di quelli che oggi sono l'Iraq, l'Iran, la Siria, la Turchia e l'Egitto, dove tale armatura fu sviluppata nel IX secolo a.C. per uso militare. Datata al radiocarbonio tra il 786 e il 543 a.C., l'armatura è composta da oltre 5.000 piccole scaglie di cuoio e 140 più grandi cucite in file orizzontali su materiale di supporto per proteggere il busto, i fianchi e la parte bassa della schiena di chi la indossava. Sebbene non esistano altre armature simili in tutta la Cina 2.700 anni fa, ci sono alcune somiglianze stilistiche e funzionali con una seconda armatura di origine sconosciuta conservata dal Metropolitan Museum of Art di New York. È possibile che le due armature fossero intese come abiti per unità distinte dello stesso esercito, ovvero l'armatura Yanghai per la cavalleria e l'armatura del Met per la fanteria. Non è chiaro se l'armatura Yanghai appartenesse a un soldato straniero che lavorava per le forze assire che l'aveva portata a casa con sé, o se fosse stata portata da qualcun altro che era stato nella regione. Anche se gli studiosi al momento non sono stati in grado di tracciare il percorso esatto dall'Assiria alla Cina nordoccidentale, il ritrovamento è una delle rare prove effettive del trasferimento tecnologico da ovest a est attraverso il continente eurasiatico all'inizio del primo millennio a.C.. La notizia è stata resa nota dall'Università di Zurigo.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2021 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346