03 Jun
03Jun

a cura della redazione 3 giugno

Una spada vichinga scoperta dai metal detector in Norvegia sta rivelando nuove intuizioni sui viaggi nel Mare del Nord. Sebbene la lama sia mancante, e sia difficile vederne a occhio nudo tutti i particolari, le decorazioni dell'impugnatura hanno dettagli unici in oro e argento, con elementi tipici dello stile vichingo, tra il 550 e il 1050 d.C. L'elsa, che ha estremità progettate con teste di animale, contiene anche figure geometriche in argento, realizzate con la cosiddetta tecnica del niello, utilizzando un impasto metallico per sovrapporre strisce nere nell'argento. La tecnica con cui è stata fabbricata, secondo gli studiosi, è di altissima qualità: la complicata decorazione, la  cesellatura, nonché lo speciale design della guardia crociata, rendono questa scoperta assolutamente unica.

VIDEO ©konservering_uis

La spada è stata trovata in tre pezzi nell'area di Jatta a Stavanger, rinomata per la tomba della "Regina Gausel" scoperta per la prima volta nel 1883. Considerata tra le più ricche sepolture femminili dell'era vichinga, conteneva fermagli in argento e bronzo, bracciali, un anello, perle, suppellettili, attrezzature e parti di un reliquiario. L'intero manico della spada è decorato con bronzo dorato e argento, il che lo rende molto simile alle spade di tipo D di Jan Petersen. In Norvegia si conoscono circa 15-20 spade di questo tipo esclusivo, su un totale di circa 3000 reperti, e si presume siano state importate dal continente o dalle isole Britanniche. Per quanto ne sappiano gli studiosi, nessun'altra spada di tipo D, né altre spade del periodo vichingo, hanno un simile tipo di testa di animale attaccata all'elsa. 

FOTO ©Lise Chantrier Aasen, Museo Archeologico - Università di Stavanger

La prima parte della spada è stata trovata nel 2021. Era una testa di animale finemente decorata in bronzo dorato. Allora non fu possibile dire a quale tipo di oggetto appartenesse. Nella primavera del 2022 sono state ritrovate altre due parti appartenenti allo stesso oggetto. La parte più grande somigliava al pezzo centrale dell'impugnatura di una spada. L'elmo inferiore era decorato allo stesso modo dell'impugnatura e ad ogni estremità della guardia c'era la forma di una testa di animale. Lo stile della decorazione potrebbe indicare che la spada sia stata originariamente realizzata nell'impero dei Franchi o in Inghilterra. Il parallelo più vicino che conosciamo è una spada dell'isola di Eigg in Scozia, che è stata trovata in una tomba del IX secolo d.C. 

FOTO ©Lise Chantrier Aasen, Museo Archeologico - Università di Stavanger

Con una simile impugnatura la spada non sarebbe stata molto funzionale, in quanto le decorazioni sarebbero state danneggiate durante la battaglia. A chi apparteneva e che uso se ne faceva? Come spiega l'archeologa ed esperta di epoca vichinga presso il Museo Archeologico, Zanette Glørstad, nel comunicato dell'Università di Stavanger, si pensa fosse il simbolo dello status sociale elevato di un uomo di alto rango: un capo che la utilizzava a scopo cerimoniale.

FOTO ©konservering_uis

Esempi di questo tipo di spada sono stati trovati sia nell'Europa orientale che in quella occidentale, ma pochissimi in Norvegia, suggerendo che la spada fosse probabilmente importata. Sebbene sia possibile che fosse una copia realizzata da fabbri locali altamente qualificati, l'arredamento suggerisce che sia stata forgiata e realizzata in Francia o in Inghilterra durante l'800 d.C.. In precedenza è stato suggerito che l'area di Jatta fosse il punto di partenza per estese alleanze e saccheggi. La sepoltura della spada e della regina Gausel ora suggerisce che l'area fosse un importante snodo per i contatti attraverso il Mare del Nord.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334