03 Mar
03Mar

SCOPRI IL MONDO DI FENIX Il Mensile sui Misteri della Storia e del Sacro 

Uno studio internazionale della Valle del Sado, in Portogallo, suggerisce che i popoli mesolitici europei potrebbero aver eseguito trattamenti come l’essiccazione attraverso la mummificazione già 8.000 anni fa…


a cura della redazione, 3 marzo

Fino ad ora, i casi più antichi di mummificazione intenzionale erano noti dai cacciatori-raccoglitori Chinchorro che vivevano nella regione costiera del deserto di Atacama nel nord del Cile circa 7.000 anni fa, tuttavia, la maggior parte delle mummie sopravvissute in tutto il mondo sono più recenti, databili tra pochi cento anni e fino a 4000 anni fa. Fotografie scoperte di recente dagli scavi degli anni ‘60 nella Valle del Sado hanno permesso agli archeologi di ricostruire le posizioni in cui furono sepolti i corpi, fornendo un’opportunità unica per saperne di più sui rituali funerari che si svolgevano 8.000 anni fa. 

Nella foto: fila superiore, seppellimento sperimentale di un corpo fresco in posizione supina flessa, svestito, direttamente nel terreno. In alto a sinistra, posizione corporea iniziale dell'individuo appena deceduto. In alto al centro: posizione dello scheletro allo scavo dopo due anni e due mesi. In alto a destra: rapporto tra la posizione iniziale del corpo e la posizione finale delle ossa. Riga inferiore, sepoltura sperimentale di un corpo essiccato dopo sette mesi di mummificazione naturale guidata e travatura reticolare durante le prime tre settimane. In basso a sinistra, posizione corporea iniziale dell'individuo mummificato. In basso al centro, posizione dello scheletro allo scavo dopo tre anni e due mesi. In basso a destra, rapporto tra la posizione iniziale del corpo e la posizione finale delle ossa @Peyroteo-Stjerna, R., Nilsson Stutz, L., Mickleburgh, H. e Cardoso, J. (2022). Mummificazione nel Mesolitico: nuovi approcci alla vecchia documentazione fotografica rivelano pratiche funerarie precedentemente sconosciute nella valle del Sado, in Portogallo. Giornale europeo di archeologia, 1-22. doi:10.1017/eaa.2022.3

Questa scoperta è stata fatta dai ricercatori in connessione con un’analisi di tombe del Mesolitico, Mesolitico, in Portogallo. I risultati dello studio, condotto in collaborazione tra l’Università di Uppsala, l’Università di Linnaeus e l’Università di Lisbona, sono stati pubblicati sull’European Journal of Archaeology. Lo studio a combinato archeologia e archeotanatologia, un metodo utilizzato per documentare e analizzare i resti umani, raffrontando la decomposizione umana con le osservazioni della distribuzione spaziale delle ossa, con la collaborazione del Forensic Anthropology Research Facility presso la Texas State University. Gli archeologi hanno così potuto ricostruire come il cadavere sia stato maneggiato dopo la morte e come sia stato sepolto, anche se sono trascorsi diversi millenni. L’analisi ha mostrato che alcuni corpi erano sepolti in posizioni estremamente flesse con le gambe piegate all’altezza delle ginocchia e posti davanti al petto. 

Nella foto, riduzione del volume dei tessuti molli durante la mummificazione naturale guidata. A sinistra: corpo completamente incarnato il giorno 1 dell'esperimento posizionato il più strettamente flesso possibile usando bende per mantenere la posizione del corpo. Centro: volume corporeo ridotto e aumento della flessione del corpo dopo tre settimane, a causa dell'essiccamento dei tessuti molli e del ripetuto serraggio delle bende. A destra: volume corporeo ulteriormente ridotto dopo sette mesi, a causa del continuo disseccamento dei tessuti molli. Le bende non sono state ulteriormente strette dopo tre settimane @Peyroteo-Stjerna, R., Nilsson Stutz, L., Mickleburgh, H. e Cardoso, J. (2022). Mummificazione nel Mesolitico: nuovi approcci alla vecchia documentazione fotografica rivelano pratiche funerarie precedentemente sconosciute nella valle del Sado, in Portogallo. Giornale europeo di archeologia, 1-22. doi:10.1017/eaa.2022.3

L’iperflessione degli arti, l’assenza di disarticolazione in parti significative dello scheletro e un rapido riempimento di sedimenti attorno alle ossa indicano, secondo gli studiosi, un processo di mummificazione. Durante la decomposizione, infatti, le ossa di solito si disarticolano in corrispondenza delle giunture deboli, come i piedi, ma nei casi studiati sono rimaste in posizione. I ricercatori propongono che questo schema di iperflessione e mancanza di disarticolazione potrebbe essere spiegato se il corpo non fosse stato deposto nella tomba come un cadavere fresco, ma in uno stato essiccato come un cadavere mummificato. “Questi sono reperti insoliti. Le mummie più famose al mondo sono significativamente più giovani e si stima che abbiano un’età compresa tra 4.000 e un paio di centinaia di anni. Ma possiamo dimostrare che i corpi venivano intenzionalmente trattati per essere essiccati e mummificati prima della sepoltura già nel Mesolitico. Tale forma di rituale di sepoltura non è mai stata dimostrata prima nell’età della pietra dei cacciatori europei”, afferma nel comunicato stampa Rita Peyroteo Stjerna, archeologa e ricercatrice dell’Università di Uppsala, che insieme a Liv Nilsson Stutz dell'Università di Linnaeus è la prima autrice dello studio. 

Nella foto ricostruzione della distribuzione spaziale delle sepolture sulla base della nuova documentazione fotografica che mostra tombe poste nelle immediate vicinanze - @Peyroteo-Stjerna, R., Nilsson Stutz, L., Mickleburgh, H. e Cardoso, J. (2022). Mummificazione nel Mesolitico: nuovi approcci alla vecchia documentazione fotografica rivelano pratiche funerarie precedentemente sconosciute nella valle del Sado, in Portogallo. Giornale europeo di archeologia, 1-22. doi:10.1017/eaa.2022.3

L’essiccazione non solo mantiene alcune di queste articolazioni altrimenti deboli, ma consente anche una forte flessione del corpo poiché l’intervallo di movimento aumenta quando il volume dei tessuti molli è minore. Poiché i corpi sono stati essiccati prima della sepoltura, c’è pochissimo o nessun sedimento presente tra le ossa e le articolazioni sono mantenute dal continuo riempimento del terreno circostante che sostiene le ossa e impedisce il collasso delle articolazioni. I ricercatori suggeriscono che i modelli osservati potrebbero essere il prodotto di un processo di mummificazione naturale guidato. La manipolazione del corpo durante la mummificazione sarebbe avvenuta per un lungo periodo di tempo, durante il quale il corpo si sarebbe gradualmente essiccato per mantenere la sua integrità corporea e contemporaneamente si sarebbe contratto legandosi con una corda o bende per comprimerlo nella posizione desiderata. 

Nella foto la penisola iberica e l'ubicazione dei cumuli di conchiglie della Valle del Sado e vista di Arapouco verso il sud-est del Sado nella sua pianura alluvionale, in Portogallo - @Peyroteo-Stjerna, R., Nilsson Stutz, L., Mickleburgh, H. e Cardoso, J. (2022). Mummificazione nel Mesolitico: nuovi approcci alla vecchia documentazione fotografica rivelano pratiche funerarie precedentemente sconosciute nella valle del Sado, in Portogallo. Giornale europeo di archeologia, 1-22. doi:10.1017/eaa.2022.3

Al termine del processo, il corpo sarebbe stato più facile da trasportare, essendo più contratto e significativamente più leggero del cadavere fresco, assicurando che fosse sepolto mantenendo il suo aspetto e l’integrità anatomica. Se la mummificazione in Europa è più antica di quanto suggerito in precedenza, emerge una serie di intuizioni relative alle pratiche funebri delle comunità mesolitiche, inclusa una preoccupazione centrale per il mantenimento dell’integrità del corpo e la sua trasformazione fisica da cadavere a mummia curata. Queste pratiche sottolineerebbero anche il significato dei luoghi di sepoltura e l’importanza di portare i morti in questi luoghi in modo da contenere e proteggere il corpo, seguendo principi culturalmente regolati, evidenziando il significato sia del corpo che del luogo di sepoltura in Portogallo mesolitico 8.000 anni fa.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334