01 Jul
01Jul



a cura della redazione 1 luglio

Gli archeologi dell'Università di Manchester hanno iniziato uno scavo in un sepolcro di 5.000 anni fa, sperando di rispondere ad alcuni dei misteri che circondano l'enigmatico sito. Si tratta di una tomba a camera neolitica, situata su una collina che domina sia la Golden Valley che la Wye Valley nell'Herefordshire, in Inghilterra. Non è mai stata scavata in precedenza, ma l’English Heritage afferma che esempi simili nella stessa regione sono stati trovati per contenere resti scheletrici incompleti di diverse persone, insieme a scaglie di selce, punte di freccia e ceramiche. 

FOTO ©Università di Manchester

Come molti monumenti preistorici nell'Inghilterra occidentale e nel Galles, questa tomba è stata collegata a Re Artù sin da prima del XIII secolo. Secondo la leggenda, fu qui che Artù uccise un gigante che lasciò l'impronta dei suoi gomiti su una delle pietre mentre cadeva. Altre leggende suggeriscono che la tomba sia un indicatore di una delle grandi battaglie di Artù, o che le impronte siano state lasciate dallo lui stesso quando si inginocchiò lì per pregare. Sembra sia la stessa pietra che ha ispirato CS Lewis quando ha creato il suo mondo immaginario di Narnia, ponendo la “Pietra di Artù”, come altare su cui viene sacrificato il leone Aslan in “Il leone, La strega e L'armadio”.

FOTO ©Mikaela Zanzi

Oggi rimangono solo le pietre più grandi della camera interna, poste in un tumulo la cui dimensione e forma originali rimangono un mistero. La camera è formata da nove pietre verticali, con un'enorme pietra di copertura che si stima pesi più di 25 tonnellate in cima. Vi si accedeva dal lato del tumulo di copertura, tramite il passaggio ad angolo retto. C'è una pietra isolata che probabilmente faceva parte di un falso ingresso, forse fornendo un focus visivo per le cerimonie.

FOTO ©Università di Manchester

Il sito risale al periodo compreso tra il 3.700 a.C. e il 2.700 a.C. durante il periodo neolitico. È improbabile che il monumento sia stato costruito esclusivamente come tomba. Qui potrebbero essersi svolti rituali degli antenati, attraverso i quali si potevano mettere in gioco pretese su una particolare area di terra. Costruiti in una zona di alpeggi, i popoli neolitici avrebbero potuto radunarsi al tumulo stagionalmente.

GUARDA I NOSTRI VIDEO - Adriano Forgione, direttore della rivista mensile FENIX, ci racconta dalla rocca di Tintagel, nel Sud dell'Inghilterra, la leggenda del concepimento di Artù, figlio di Uther Pendragon, Re Sacro, spiegando il significato metaforico di queste emblematiche figure, in un'approfondita analisi comparata delle tradizioni di tutti i tempi, tra storia, favole e miti, volgendo lo sguardo verso un unico comune denominatore: la vittoria della Luce sulle tenebre, il concepimento del Re del Mondo, Re di Pace e di Giustizia, Sacerdote di Sè stesso. 

Nell'ambito di un progetto congiunto tra English Heritage e l'Università di Manchester, gli archeologi stanno rimuovendo per la prima volta il tappeto erboso per rendere visibile la stratigrafia sottostante e registrare eventuali resti archeologici. Il nuovo scavo segue una ricerca intrapresa dalle Università di Manchester e Cardiff immediatamente a sud del monumento lo scorso anno che ha già cambiato il modo di pensare sull'orientamento e le origini del sito. Si presumeva che la Pietra di Arthur si trovasse all'interno di un tumulo di pietra a forma di cuneo, simile a quelli trovati nelle Cotswolds e nel Galles del Sud, ma il professor Julian Thomas di Manchester e il professor Keith Ray di Cardiff hanno scoperto che il monumento originariamente si estendeva in un campo a sud-ovest, e potrebbe aver avuto la forma di un basso tumulo di erba con estremità arrotondate. 

FOTO ©Mikaela Zanzi

I professori Thomas e il professor Ray guideranno anche i prossimi scavi, con la partecipazione di studenti dell'Università di Cardiff e di una serie di istituzioni americane. Ciò fornirà nuove informazioni sui costruttori di tombe e consentirà al team di comprendere ulteriormente le dimensioni e la forma originali della Pietra di Artù.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334