14 Mar
14Mar

a cura della redazione, 14 marzo

Una bara antropoide di piombo è stata appena scoperta all'incrocio del transetto di Notre-Dame di Parigi. Gli archeologi dell'Istituto Nazionale per la Ricerca Archeologica Preventiva (INRAP), incaricati di scavare il sito prima dell'inizio dei lavori di restauro dopo il violento incendio che aveva devastato la cattedrale il 15 aprile 2019, hanno portato alla luce un vecchio sarcofago sotto la navata dell'edificio. La prima analisi dei resti contenuti nel livello del terrapieno che lo sovrasta indica una datazione presunta della sepoltura intorno al XIV secolo. Per il momento non sappiamo chi riposi nella bara. 

FOTO ©INRAP

Gli archeologi hanno portato alla luce il sarcofago nel cuore stesso della cattedrale, dove si intersecano il transetto e la navata, quindi l'individuo sepolto lì deve essere stato qualcuno di importante, probabilmente un dignitario della chiesa. Notre-Dame fu l'ultima dimora di diversi personaggi di spicco, ma questa è la prima volta che viene trovato un sarcofago intatto ben conservato.Il sarcofago è stato trovato al centro di una rete di tubi di riscaldamento in muratura del XIX secolo. Una mini telecamera endoscopica infilata nel sarcofago ha confermato che il contenuto è intatto. Si possono intravedere pezzi di stoffa, capelli e soprattutto un cuscino di foglie in cima alla testa, un fenomeno noto quando venivano seppelliti i leader religiosi.

FOTO ©INRAP

Secondo gli studiosi, il fatto che questi elementi vegetali siano ancora all'interno significa che il corpo è in un ottimo stato di conservazione. La sua scoperta aiuterà a migliorare la comprensione delle pratiche funerarie nel Medioevo. A pochi metri dal sarcofago, ai piedi del coro, gli archeologi hanno scoperto i resti spezzati di un antico paravento, il tramezzo tra il presbiterio e la navata che era una caratteristica comune nelle chiese del tardo medioevo. Il paravento di Notre Dame era scolpito nella pietra e presentava numerose statue dipinte con colori vivaci. 

FOTO ©INRAP

Fu costruito nel 1230 e rimase in vigore fino all'inizio del XVIII secolo, anche se i paraventi caddero in disgrazia a metà del XVI, quando il Concilio di Trento richiese che la Messa fosse resa più accessibile alla congregazione. La pesante barriera fisica che bloccava la vista dell'altare da parte dei fedeli fu allora eliminata. Nonostante la demolizione, gli archeologi hanno trovato numerosi frammenti di pietra, tra cui la testa di un uomo barbuto, accenni vegetali e due mani giunte.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334