17 Nov
17Nov

 FOTO  ©kairoinfo4u tramite Flickr sotto CC BY-NC-SA 2.0 


CNN, 17 novembre 

Gli archeologi hanno scoperto quello che ritengono essere uno dei "templi del sole" perduti in Egitto, risalente alla metà del XV secolo a.C. Il team ha scoperto i resti sepolti sotto un altro tempio ad Abu Ghurab, circa 30 chilometri a sud del Cairo, ha detto alla Galileus Web il co-direttore della missione Massimiliano Nuzzolo, assistente professore di egittologia presso l’Istituto per le culture mediterranee e orientali dell’Accademia polacca delle scienze a Varsavia. 

 FOTO  ©Tesori perduti dell'Egitto/National Geographic/Film Windfall

La scoperta di Nuzzolo e del team è stata protagonista di una puntata di “Lost Treasures of Egypt” di National Geographic. Nel 1898, gli archeologi che lavoravano nel sito scoprirono il tempio del Sole di Nyuserra, noto anche come Neuserre o Nyuserre, il sesto re della V dinastia, che governò l'Egitto tra il 2400 e il 2370 a.C.. Le scoperte fatte durante l’ultima missione suggeriscono che sia stato costruito sopra i resti di un altro tempio. 

UN TEMPIO SOLARE SOTTO QUELLO DI NIUSERRE - Ne parliamo in modo approfondito su FENIX n° 160, in un articolo a cura di Robert Bouval, che ci spiega perché il calendario egizio sia da considerarsi il lascito della legge cosmica di Maat, introducendoci al sistema religioso dei cicli cosmici, dal sotiaco al precessionale, in un preciso gioco di corrispondenze tra il sud nilotico e l'est astronomico, grazie al rispecchiamento tra Nilo terrestre, che scorre da sud a nord, e il Nilo celeste (la Via Lattea), che scorre da est a ovest.

Gli archeologi del XX secolo avevano scavato solo una piccolissima parte di questo edificio in mattoni di fango sotto il tempio in pietra di Nyuserra e avevano concluso che questa era una fase di costruzione precedente. I nuovi ritrovamenti dimostrano che si trattava di un edificio completamente diverso, eretto prima di Nyuserra. I reperti comprendono sigilli incisi con i nomi dei re che regnarono prima di lui, un tempo usati come tappi per giare, nonché le basi di due colonne in calcare, che facevano parte di un portico d’ingresso, e una soglia in pietra calcarea. La costruzione originaria era interamente realizzata in mattoni di fango. 

 FOTO  ©kairoinfo4u tramite Flickr sotto CC BY-NC-SA 2.0 

La squadra di Nuzzolo ha anche trovato “decine di vasi pieni di fango rituale, che veniva utilizzato solo in specifici contesti religiosi. La ceramica è stata datata alla metà del XV secolo a.C., una o due generazioni prima”. Il monumento in mattoni di fango “era di dimensioni impressionanti”, ha detto Nuzzolo, ma Nyuserra lo distrusse ritualmente per costruire il suo tempio del Sole. Indirettamente, lo scopo principale del tempio era quello di essere il luogo per la deificazione del re vivente. Fonti storiche suggeriscono che furono costruiti in totale sei templi del Sole, ma solo due erano stati portati alla luce in precedenza. Da queste fonti sappiamo che i templi del Sole furono tutti costruiti intorno ad Abu Gharab. Quello di Nyuserra ha una disposizione molto simile all’edificio in mattoni di fango, ma è più grande e fatto di pietra, materiale meno deperibile. Lo scavo, ancora in corso, fa parte di una missione congiunta dell'Università degli Studi di Napoli L’Orientale e dell’Accademia polacca delle Scienze.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346