LA GEOMETRIA SACRA DI GOBEKLI TEPE


2 min letti

a cura della redazione, 26 Maggio

Foto di ©Gil Haklay -  diagramma sovrapposto al piano schematico che mostra il motivo geometrico alla base della progettazione architettonica del complesso di pietre

Un nuovo studio dimostra che il tentacolare complesso neolitico nell'Anatolia sud-orientale, oltre ad essere il primo tempio conosciuto nella storia umana, fu costruito come un'unica struttura di significato rituale...

ACQUISTA ORAI ricercatori dell'Università di Tel Aviv e dell'Autorità per le Antichità Israeliane hanno impiegato l'analisi dell'architettura per scoprire la geometria alla base della disposizione delle imponenti strutture rotonde in pietra di Göbekli Tepe risalenti a 11.500 anni fa. Ne hanno concluso che furono progettate come un'unica struttura.Tre delle monumentali strutture rotonde di Göbekli Tepe, la più grande delle quali ha un diametro di 20 metri, inizialmente furono concepite come un unico progetto, secondo il ricercatore Gil Haklay, dell'Autorità israeliana per le antichità, e il Prof. Avi Gopher del Dipartimento di Archeologia e ASntiche Civiltà del Vicino Oriente del TAU. I due studiosi hanno impiegato un algoritmo informatico per tracciare aspetti dei processi di progettazione architettonica coinvolti nella costruzione di questi recinti preistorici. I loro risultati sono stati pubblicati nel Cambridge Archaeological Journal a maggio. 

La maggior parte dei ricercatori ha ipotizzato che i recinti di Göbekli Tepe, nell'area di scavo principale, siano stati costruiti nel corso tempo.Tuttavia, Haklay e il Prof. Gopher affermano che tre delle strutture furono previste come un progetto unitario secondo un modello geometrico coerente. «La struttura del complesso è caratterizzata da gerarchie spaziali e simboliche che riflettono i cambiamenti nel mondo spirituale e nella struttura sociale», spiega Haklay. «Nella nostra ricerca, abbiamo utilizzato uno strumento analitico, un algoritmo basato sulla mappatura della deviazione standard, per identificare un modello geometrico sottostante che regolava il design. Questa ricerca introduce importanti informazioni riguardanti lo sviluppo iniziale della progettazione architettonica nel Levante e nel mondo», aggiunge il prof. Gopher. «Apre le porte a nuove interpretazioni di questo sito e, in generale, sulla natura dei suoi pilastri antropomorfi megalitici in particolare».

Alcune capacità e pratiche di pianificazione, come l'uso della geometria e la formulazione delle planimetrie, si presumeva fossero emerse molto più tardi del periodo in cui fu costruita Göbekli Tepe. «I metodi più importanti e basilari della pianificazione architettonica sono stati ideati nel Levante nel tardo periodo epipaleolitico come parte della cultura natufiana (se ne parlerà nel prossimo numero di FENIX in edicola a Giugno 2020) e attraverso il primo periodo neolitico. La nostra nuova ricerca indica che i metodi di pianificazione architettonica, regole di progettazione astratte e schemi organizzativi erano già in uso durante questo periodo formativo nella storia umana».

RIPRODUZIONE VIETATA ©XPublishing2020

🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346