MISTERIOSO CERCHIO SUL GHIACCIO APPARE IN CINA


China News, 12 aprile

Approfondimenti su Xtimes

È primavera nell’emisfero settentrionale, il che significa che è tempo di cerchi nel grano in Inghilterra e in altri luoghi. Un fenomeno che nell’ultimo decennio ha perso il suo valore originale, ormai emulato artificialmente dall’uomo. La notizia della comparsa di un disegno circolare, questa volta però, viene dalla Cina. Nel giro di una notte sembra sia comparso un enorme disegno geometrico sul lago Qinghai, una grande distesa di acqua salata a 3.205 metri dal livello del mare, sul lato sud di Haitai. Messaggi di ghiaccio su un lago salato? Chi lo ha ripreso, Qing Xiu, del Qinghai Lake Tourism Group, sostiene che il filmato è stato girato alle 11 del mattino e che il giorno prima nello stesso punto non vi era traccia del cerchio!

L’area coinvolta coprirebbe più di 100 metri quadrati, ma nessuno riesce a spiegarsi come e perché il fenomeno si sia verificato. Un leggenda dice che nel lago viva un mostro, una sorta di drago. In questo stesso luogo sono stati scoperti presunti artefatti che risalirebbero a 150.000 anni fa, nascosti in quella che sembra essere una caverna scavata artificialmente con un’apertura triangolare. Si tratta dei così detti “tubi di Baigong”, un esempio di ciò che gli appassionati del paranormale chiamano “artefatti fuori luogo”, oggetti moderni scoperti in ambienti antichi. 

Si tratta di un sofisticato sistema di tubi metallici, sepolti da strati geologici di terra, tanto da precludere la possibilità che siano stati lasciati lì in tempi moderni. Mistero che ha indotto qualcuno a ipotizzare l’esistenza di una base sotterranea aliena, ma gli scienziati sostengono che l’arenaria, ricca di sedimenti di ferro, a seguito d’inondazioni e grazie alla reazione chimica attivatasi con il gas, idrogeno solforato presente nella zona, potrebbe aver dato “vita” a formazioni di pirite di ferro. Di contro, c’è chi considera la coincidenza del luogo non un caso e ipotizza che il disegno possa essere l’impronta lasciata da un “motore magnetico”. Dalla foto si evince chiaramente che la formazione è comparsa vicino al bordo del ghiaccio, senza sciogliersi. Ci sono alcune linee negli spazi del cerchio, ma nessuna traccia all’interno o all’esterno di esso. Che si tratti di un segreto militare? Si dice che i “tubi di Baigong” siano artefatti alieni e ci sono segni nell’ingresso della grotta che lo lasciano supporre. Il governo della Cina al momento mantiene il totale riserbo sull’argomento.

Vero è che sulla pagina Facebook "Mai Tian Quan", si sostiene che il simbolo rappresenta il marchio di una società automobilistica chiamata AION il cui logo effettivamente è molto simile. Se il cerchio di ghiaccio è stato fatto dall’uomo è impressionante. Qualora l’azienda automobilistica avesse sviluppato una sorta di tecnica aerea per bruciare il ghiaccio senza fonderlo completamente, saremmo di fronte a un progresso tecnologico di cui nessuno è a conoscenza. Comunque un mistero.