MORTI MISTERIOSE IN SUD AMERICA


Approfondimenti su XTimes

Messico e Honduras sotto attacco dei “chupacabras”?!! È possibile che esistano davvero? Il settimanale sudamericano “El Mexicano” mercoledì scorso riportava la scoperta di oltre 70 animali brutalmente mutilati da una creatura non identificata a Juárez, Chihuahua. Qualunque cosa abbia ucciso questi animali da fattoria è avvolto da un alone di mistero. Il proprietario, Don Simplicio Martínez, ha riferito che, la sera del 28 marzo scorso, ha trovato 20 delle sue pecore adulte mutilate, completamente dissanguate, ma senza che una sola goccia di sangue fosse stata versata sul terreno circostante. Settimane dopo, la creatura misteriosa è tornata e ha ucciso tutti i suoi polli. La bestia si sarebbe arrampicata su un pollaio alto quasi 2 metri, ha divelto il filo metallico che lo proteggeva e si è rimpinzata del sangue di 51 polli, tutti insieme. “O si è arrampicato o volava”, ha detto il contadino alle autorità locali che sono intervenute. 


“Telemundo” riporta le dichiarazioni d un guardiano notturno, messo a guardia della fattoria di Martínez, che dice di aver intravisto un’ombra molto grande, ma di non essere stato in grado di identificarne l’aspetto. I medici locali ipotizzano si tratti di un cane, anche se confermano che le dinamiche delle mutilazioni sono inspiegabili. “Le ferite delle pecore sono come triangoli nella giugulare, ma senza sangue, senza niente. Non è un animale normale, come potrebbe aver succhiato in una sola notte il sangue di 20 pecore? Nessun essere su questo pianeta ha la capacità di nutrirsi di così tanto sangue tutto insieme. Stiamo parlando di litri di sangue”, ha spiegato il veterinario, Eleazar Romero. Lo scorso febbraio “La Prensa” segnalava un altro strano caso registrato nel vicino stato dell’Honduras, dove un uomo è stato trovato morto, completamente privo di sangue e con un morso sul suo tallone destro. Dopo neppure un mese il quotidiano “La Tribuna”, riportava la morte di un altro ragazzo, sempre “dissanguato da un morso” a Yamaranguila, una grande città nel sud-ovest del paese. Il famigerato “mostro” esiste veramente e scorazza per l’America Centrale, o è solo l’ennesimo “capro espiatorio” folcloristico per dare una spiegazione a casi di omicidi irrisolti?