SCOPERTA UNA NUOVA REGINA DELLA V DINASTIA A SAQQARA


1 min letti

Archeology News, 1 Aprile

Approfondimenti su Fenix

La tomba di un dignitario della V Dinastia, di nome Khuwy, è stata recentemente scoperta, durante uno scavo a sud di Saqqara. La missione, guidata da un team di egittologi, ha individuato anche il nome della regina cui il complesso monumentale apparteneva. Il mausoleo consiste in una sovrastruttura con una camera di offerte a forma di L, un tempo decorata a rilievo. Solo la parte inferiore della decorazione è rimasta intatta. Mostafa Waziri, segretario generale del Consiglio Supremo delle Antichità egiziano, ha spiegato che sulla parete nord della tomba è stato identificato l'ingresso di una sottostruttura unica, simile alle sottostrutture delle piramidi reali della V Dinastia. L’accesso alla camera sepolcrale inizia con un corridoio discendente, che porta al vestibolo. L'entrata sulla parete meridionale dà accesso a un'anticamera decorata, dove è raffigurato il proprietario della tomba seduto di fronte a un tavolo di offerte sulle pareti Sud e Nord. Una lista delle offerte è invece rappresentata sul muro Est e sulla facciata del palazzo nella parete Ovest. 


"Sembra che lo spazio della camera di sepoltura fosse quasi completamente occupato da un sarcofago di calcare, purtroppo andato completamente distrutto, saccheggiato dai cacciatori di tesori della zona” spiega Megahed. Fortunatamente è stato possibile recuperare i resti del corpo di Khuwy, che mostrano chiare tracce di mummificazione. L’ingresso dell’anticamera nella parete Sud conduce a una piccola stanza, molto probabilmente un ripostiglio. Nello stesso luogo è stato identificato il nome di una regina, vissuto della V dinastia, Setibhor. Un nome sconosciuto, mai citato da fonti antiche, inciso su una colonna nella parte sud del complesso piramidale fino a ora-anonimo. Il complesso è situato vicino alla piramide del re Djedkara. Il nome e titolo della proprietaria del monumento, unico nel suo genere, sono iscritti su una colonna in granito nel portico appena scoperto. L'iscrizione è stata scolpita in rilievo, incastonata in un rettangolo sul fusto della colonna, e recita: "Colei che vede Horus e Seth, Grande dello Scettro-hetes, Grande di Lode, Sposa del Re, il suo amato, Setibohr". Un ritrovamento di grande interesse per i ricercatori: “Il periodo tra la V e la VI Dinastia vide una radicale trasformazione del credo religioso egizio e la comparsa dei Testi delle Piramidi per la prima volta all'interno della piramide del re Unas, il successore di Djedkara, oltre alla fine della pratica di costruire templi solari”.