SCOPERTA UNA RARA STATUA “KA”, GLI STUDIOSI PENSANO SIA DI RAMSES II


3 min letti

a cura della redazione, 11 Dicembre

Il Consiglio supremo delle antichità egiziane ha annunciato la scoperta di un tempio sconosciuto dedicato al dio Ptah e di una rara statua in granito rosa di uno dei più grandi faraoni della storia egizia, che riporta un simbolo unico: «È la prima volta che lo troviamo su una statua»… 

Una rara statua di granito rosa, alta circa un metro, è stata trovata in un terreno a 24 chilometri da Giza. statua di pietra con “Ka” appena scoperta

La scoperta è stata annunciata dal Ministero delle Antichità egiziano. Mostafa Waziri, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità, ha affermato che la scultura in granito era «destinata a fornire un luogo di riposo per il Ka (Forza Spirituale) della persona dopo la morte». La scoperta di una statua di pietra con un tale simbolo non ha precedenti. Waziri ha spiegato che sino ad ora è stata scoperta solo statua lignea di Horuna statua lignea con questo stesso simbolo e apparterrebbe a Hor, uno dei faraoni della XIII dinastia. «La parte scoperta della statua è alta 105 centimetri, larga 55 centimetri e spessa 45 – ha aggiunto Waziri – pensiamo che raffiguri il re Ramesse II che indossa una parrucca e una corona con tale segno». In realtà solo la parte superiore è stata trovata intatta, mentre il resto è in frammenti. Sulla parte posteriore c’è un testo geroglifico: “Nakht Mari Maat”, che significa “Toro Possente”, un epiteto che collegerebbe secondo gli studiosi la statua a Ramses II, che regnò durante la XIX dinastia, tra il 1279 e il 1213 a.C.. Va detto, però, che l’epiteto di “Toro Possente” era associato anche agli altri faraoni. Data l’abitudine di Ramses II di attribuirsi statue dei suoi predecessori, non si può escludere che quest’opera possa essere più antica e riutilizzata dal longevo e potente sovrano. Accanto alla statua sono stati rinvenuti anche uno dei pilasti rinvenuti vicino alla statua di granito

19 blocchi di pietra sui quali gli archeologi hanno riconosciuto iscrizioni che mostrano il faraone durante il rituale religioso Heb-Sed, il che indica che questi blocchi potrebbero appartenere a un grande tempio dedicato al culto della divinità Ptah, il dio degli artigiani e degli architetti, sposo di Sekhmet, la dea guerriera. simbolo del "Ka"Il simbolo “Ka” è costituito da due braccia sollevate che indicano la “forza vitale” e lo “spirito vivificante”. Per gli antichi egizi il “Ka”, lo Spirito, era una delle tre componenti dell’anima, insiema al “Ba” (doppio spirituale) e allo “Akh” (la parte attiva e lminosa). Ne costituiva parte importante in quanto era simbolo di quella Forza Rigenerativa che permeava tutta la tradizione religiosa egizia, basata sui principi di trasmutazione. Nessuno sa bene come definire il geroglifico costituito dalle braccia sollevate, ma ancora oggi questo segno viene messo in atto quando ci si “arrende”, quindi in segno di resa. Non è un messaggio negativo quando è attuato verso la divinità, in segno di sottomissione al divino, e quindi nella volontà di eseguire le sue opere. La stesse braccia aperte e sollevate del KA costituiscono una coppa, che riceve i messaggi dai mondi spirituali, così come indentificano l’individuo sacro, l“Orante”, in preghiera, quindi nell’atto delle sue sacre funzioni. Esattamente ciò che caratterizza l’aspetto spirituale. Secondo il Ministro, i manufatti relativi a Ramses II potrebbero essere parte di un tempio sconosciuto dedicato al dio Ptah. 


Il busto e i blocchi sono stati spostati nel museo all'aperto di Mit Rahina. Qui gli specialisti puliranno e restaureranno la statua, prima di esporla al pubblico. Ulteriori scavi avranno luogo sul sito e potrebbero ancora essere fatte altre scoperte. La statua è stata trovata sulla terra di un uomo arrestato all’inizio del mese per aver effettuato scavi illegali. Non vi è alcuna indicazione su come le autorità tratteranno l’uomo il cui scavo illegale ha portato alla scoperta della rara statua di granito rosa e del tempio.

🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346