URINA, CAPELLI E CHIODI, IN UNA BOTTIGLIA DELLA FINE DELL’800


2 min letti
The Independent, 30 Dicembre

Una misteriosa bottiglia trovata sotto l’uscio di una casa, ha custodito per quasi due secoli DNA umano, inspiegabilmente sigillato insieme a chiodi di metallo e a un piccolo crostaceo che ancora oggi vive nei fondali marini, capace di produrre luce blu fluorescente per sopravvivere nelle profondità degli abissi...
Un esperto di Antiquariato, Andy McConnell, ha accidentalmente bevuto urina di 180 anni fa, mescolata con chiodi arrugginiti e capelli umani. Ebbe uno shock quando lo scoprì: quel liquido rosso scuro degli anni ‘40 del XIX secolo che aveva bevuto era in realtà un mistura “maledetta”. 
Per quel che ne sapeva la bottiglia apparteneva a un uomo di nome John, che l’aveva trovata sepolta in casa sua. Desideroso di conoscere cosa contenesse, si recò al “Roadshow” di Trelissick, in Cornovaglia. Qui Andy datò la bottiglia stabilendo che si trattava di un oggetto della prima metà del 1800, poi prese una siringa per aspirare parte del liquido che conteneva, senza aprirne il tappo sigillato e lo assaggiò. Allora McConnell sembrò entusiasta, mente il pubblico lo osservava con timore. Un liquido così antico non è da tutti avere il coraggio di "degustarlo". Era “marrone", osservò: «Penso che sia porto d'annata o vino rosso molto invecchiato, ma sembra pieno di ruggine». Tre anni dopo, la conduttrice televisiva Fiona Bruce ha dato a McConnell la terribile notizia durante l’episodio del 29 dicembre scorso della trasmissione "Antiques Roadshow", andato in onda sulla BBC. Bruce ha informato il malcapitato antiquario dopo che la Loughborough University aveva dato un'occhiata al contenuto, facendo la disgustosa scoperta. All’interno della bottiglia c’era anche una misteriosa piccola creatura chiamata ostracoda, un piccolo crostaceo che utilizza la bioluminescenza come difesa nel buio. Trovata sepolta sotto la soglia di una casa, si pensa fosse un talismano contro la stregoneria o peggio ancora una forma di maledizione che il povero antiquario avrebbe ingerito.


🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346