MISTERIOSA STRUTTURA SACRA SULLA RIVA ORIENTALE DEL BOSFORO


19 May
19May

Continuano gli scavi nel quartiere Kadıköy di Istanbul. Tra i reperti è emersa una antica mezzaluna pavimentata a marmo sopra una camera sepolcrale, circondata da una fossa comune in prossimità di una fonte di acqua sacra sorgiva, possibile sito rituale del VI secolo a.C.... 


a cura della redazione, 19 Maggio

Nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Haydarpaşa, a Istanbul, nella zona dove un tempo era ubicata l’antica città di Calcedonia (Khalkedon), è stato trovato uno strano edificio che risale a più di 2.500 anni fa. Siamo a Kadıköy, un distretto di Istanbul, situato nella parte asiatica della città, affacciato sul mar di Marmara a sud del comune di Üsküdar, un quartiere abitato per secoli da diverse civiltà. Le rovine della colonia greca, sul lato asiatico del Bosforo, sono state rivelate per la prima volta durante i lavori di costruzione della linea ferroviaria suburbana Marmaray, nel 2018. La struttura individuata dagli archeologi è semicircolare datata tra il VII e il III secolo a.C.. Da quanto si apprende su Hürriyet Daily News, sebbene l’architettura del sito non fornisca indizi sulla sua funzione, gli archeologi ritengono che la sua forma absidale e alcuni reperti rinvenuti al suo interno, indichino che fu utilizzta come spazio sacro. I ricercatori stimano  che l’edificio sia la struttura architettonica più antica portata alla luce in questi scavi. Sotto tale misteriosa mezza luna, il cui pavimento è rivestito con blocchi di marmo realizzati con raffinata maestria, è stata rinvenuta una camera sepolcrale, mentre tutto intorno si estende una fossa comune, contenente ventotto scheletri. 

«È qualcosa di unico, che non abbiamo mai visto prima. Tutto questo ci fa pensare che il luogo sia sacro e adibito a scopi religiosi. Non esiste un’altra struttura con una forma simile nella storia dell’Anatolia. Quindi, non possiamo dire con esattezza quale fosse la sua funzione e se effettivamente fosse uno spazio ritule», ha spiegato Mehmet Ali Polat, capo archeologo dello scavo di Haydarpaşa, all’agenzia di stampa DemirörenL’indagine archeologica ha portato alla luce anche tracce di un grande edificio che potrebbe essere servito da magazzino e un gruppo di edifici che potrebbe essere stato un piccolo palazzo estivo. Gli scavi, sotto il patrocinio del Ministero della Cultura e del Turismo della Turchia e dei Musei Archeologici di Istanbul, sono stati eseguiti con la massima cura negli ultimi tre anni. L’area di scavo è la famosa “Terra dei Ciechi”, come fu battezzata da Byzas capo dei Megari, poiché pensava che i Calcedoni, fossero ciechi perché si erano stabiliti nella parte opposta del Bosforo, non vedendo le bellezze della riva occidentale. 

Una volta la regione era il porto nord-occidentale dell’antica città di Calcedonia, una colonia di Megara sorta alla fine del VII secolo a.C., nella zona dove oggi si trova il palazzo del Topkapi. Un'altra importante struttura portata alla luce nella zona è la sorgente sacra, la cui acqua scorre ancora nel nord della zona. Le informazioni raccolte da fonti antiche corrispondono a una sorgente di acqua che scorre ininterrotta chiamato Hermegora, descritta da Dionysisos Byzantios nel suo libro "Per Bosporum Navigatio” e ubicata lungo la costa dal promontorio di Damalis a Kadıköy. HND riferisce della presenza di un frangiflutti e di due serbatoi d’acqua. Gli archeologi pensano che furono costruiti nel primo periodo bizantino e che questo luogo fu usato come fonte sacra per molti anni. Nell’area di scavo, che si sviluppa su trecentocinquantamila metri quadri, sono state rinvenute ben diciottomila monete, risalenti al VI secolo a.C., importanti resti architettonici, terme, tombe e oggetti vari del periodo ellenistico, bizantino, classico e ottomano. Tra i reperti, ha attirato l’attenzione anche una particolare struttura a forma di “T”, datata intorno al V secolo a.C., ancora in fase di studio. Per Haber Global gli archeologi sono fiduciosi che, con il proseguire dei lavori di scavo, il mistero delle due strutture sarà risolto.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2021

🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.