13 Jun
13Jun

a cura della redazione, 13 giugno 

Mentre completava gli scavi sul lato occidentale del museo all'aperto presso l'obelisco del re Senusret I, a Mataria, una missione archeologica congiunta egiziano-tedesca, è riuscita a scoprire nel Tempio del Sole blocchi di pietra granitica dell'epoca del re Cheope, secondo faraone della IV dinastia nella prima metà del periodo dell'Antico Regno (XXVI secolo a.C.), oltre alle fondamenta del cortile di un tempio che risale all'epoca del Nuovo Regno, e una serie di statue e altari. 

FOTO ©Ministero del Turismo e delle Antichità

La missione stava scavando nell'antica città di Heliopoli, un importante centro religioso. Gli archeologi hanno scoperto grandi blocchi di granito nelle rovine del Tempio del Sole, che rappresentano la prima scoperta del periodo del faraone Cheope nella regione di Ain Shams. Mustafa Waziri, Segretario Generale del Consiglio Supremo per l'Archeologia, ha annunciato la scoperta in un comunicato stampa, suggerendo che la pietra potrebbe aver fatto parte di un edificio un tempo situato presso le Piramidi di Giza e successivamente spostato e riproposto tra la XIX e la XX dinastia. Sarebbe stato usato come materiale da costruzione nell'era Ramesside, un periodo in cui erano comuni le pietre di edifici storicamente più antichi. 

FOTO ©Ministero del Turismo e delle Antichità

Ayman Ashmawy, responsabile della divisione delle Antichità Egizie presso il Consiglio Supremo e capo della missione da parte egiziana, ha aggiunto che sono state rivelare alcune prove dell'esistenza precoce di quest'area, poiché molti strati archeologici risalgono all'epoca della dinastia Zero (periodo Naqada). 

FOTO ©Ministero del Turismo e delle Antichità

Sono stati recuperati anche diversi strati di macerie ceramiche, che indicano l'attività religiosa e rituale nel III millennio a.C. nel sito, e testimonianze che indicano una grande presenza durante l'epoca della III e IV dinastia, come un pezzo di granito appartenuto al re Pepi I (2280 a.C.). Su di esso c'è un'iscrizione prominente del falco di Horus. È stata anche rivelata la base di una statua del re Amazis, o Ahmose II, parti delle statue a forma di sfingi, che sono considerate prove dell'uso e della presenza reale nel tempio, oltre a tracce di un certo numero di faraoni, tra cui i re Amenemhat II, Senusret III, Amenemhat III, Amenemhat V, Thutmose III, Amenhotep II e III, Horemheb, Ramses II e re Seti II. 

FOTO ©Ministero del Turismo e delle Antichità

Dietrich Rau, capo della missione da parte tedesca, ha spiegato che la missione è riuscita anche a scoprire parti dei sarcofagi e degli altari dell'era dei re Amenemhat IV, Sobekhotep IV, Ay, Seti I, Osorkon I, Takelot I e Psamtik I, oltre a rivelare un modello scultoreo in quarzo a forma di "Sfinge" del re Amenhotep II, e la base di un'enorme statua di scimmia di granito rosa di un babbuino. 

RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334