20 Mar
20Mar

a cura della redazione, 20 marzo

Un enigmatico oggetto rituale, dell'età del bronzo, è stato scoperto in una sepoltura della cultura Tagar nella Siberia meridionale. La tomba è stata portata alla luce nel cimitero di Kazanovka nel bacino di Minusinsk nel 2020. Al suo interno era sepolto il corpo di una donna, in un kurgan diviso in due recinti da lastre verticali di arenaria. In un'apparente continuazione dei rituali funebri della cultura Karasuk, la donna era stata sepolta con pezzi di carne e le carcasse di un vitello e di una pecora. Accanto alle carcasse sono stati trovati un coltello di bronzo e un punteruolo in una custodia di pelle. La testa di un cavallo era stata posta sul coperchio della tomba, costituita da una fossa rettangolare con un bordo a gradini. Grandi pietre ricoprivano il perimetro con piccole lastre che riempivano gli spazi vuoti. Il corpo era sepolto in posizione supina, la testa girata a ovest e le braccia tese lungo il corpo. 

FOTO ©Evgeniy Bogdanov

Era decorato in modo molto elaborato: accanto al suo bacino c'era uno specchio circolare di bronzo con tracce di un sacchetto di pelle rossa. Placche di bronzo e spille sono state trovate accanto alla spalla destra. Vicino al suo gomito destro, invece, è stato rinvenuto lo strano oggetto, la cui parte superiore era una “X” composta da tubolari filettati di bronzo e perline a cappuccio intervallate da perline di corniola. Dalla parte inferiore, anch’essa realizzata con perline tubolari di bronzo e di argillite bianca, pendeva una zanna di cinghiale. 

FOTO ©Evgeniy Bogdanov

Al centro, gli archeologi hanno rilevato brandelli di quella che potrebbe essere stata una borsa di stoffa di seta e il frammento di costola umana. Altre sepolture nella regione hanno perline, ossa di animali, zanne di cinghiale o cervo muschiato e artigli di uccelli, rinvenute quasi sempre in associazione all'interno di sepolture femminili. Mai prima d'ora, però, in un contesto tagario così antico, gli archeologi avevano trovato qualcosa di simile. La spiegazione potrebbe venire da parallelismi etnografici con altre culture della zona. 

FOTO ©Evgeniy Bogdanov

La cultura Tagar, che prende il nome da un'isola nel fiume Yenisei ed era la cultura archeologica dominante nel bacino di Minusinsk in Khakassia dalla tarda età del bronzo all'età del ferro, cioè dall'VIII al III secolo a.C. circa, fu preceduta dalla cultura Karasuk dell'età del bronzo e dalla cultura di Tashtyk, che esistevano parallelamente alla cultura degli Sciti in Crimea e sulle coste settentrionali del Mar Nero. In questa prospettiva, l’osso umano custodito nell'amuleto potrebbe essere assimilato a un culto sciamanico, come quello praticato dal popolo Yukaghir, lungo il bacino del fiume Kolyma nelle regioni dell'estremo nord-est della Siberia, del quale è stata documentata la tradizione di sezionare il corpo di uno sciamano in amuleti.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334