11 Feb
11Feb

SCOPRI IL MONDO DI FENIX Il Mensile sui Misteri della Storia e del Sacro 

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND - mappa della regione mediterranea con schizzi di punti di pietra sovrapposti Sui lati opposti del Mediterraneo, punte di pietra simili furono realizzate da Homo sapiens più o meno nello stesso periodo 


a cura della redazione, 11 febbraio

Le testimonianze culturali e antropologiche della Grotta di Mandrin mostrano l’arrivo dell’Homo sapiens, nel cuore dei territori dei Neanderthal, 12.000 anni prima di quanto si pensasse, associate misteriosamente a tecniche presenti solo in Africa o nel Levante. Siamo nel sud della Francia, dove Sapiens e i Nenderthal si alternarono a ondate inspiegabilmente periodiche per ben 40.000 anni. A suggerirlo, la scoperta del dente di un bambino di quasi 56.000 anni fa e di strumenti di pietra nella stessa grotta. Questa incursione umana della prima età moderna nella Valle del Rodano è associata a tecnologie sconosciute di quell’epoca. La ricerca è stata appena pubblicata sulla rivista Science Advances (PDF). I reperti sono stati scoperti, da un team guidato dal Prof , membro permanente del CNRS dell’Università di Tolosa, dimostrando che questa popolazione è scomparsa nel nulla. Ancora una volta si dovranno riscrivere i nostri libri di storia.

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND - scopri FENIX il mensile dei Misteri della Storia e del Sacro

Arroccato a circa 100 metri sulle pendici delle Prealpi nel sud della Francia, un umile riparo roccioso si affaccia sulla valle del fiume Rodano. È un punto strategico del paesaggio, poiché qui il Rodano scorre attraverso uno stretto tra due catene montuose.  Il sito, scoperto negli anni ‘60 e chiamato Grotta di Mandrin in onore di Louis Mandrin, è stato un luogo prezioso per oltre 100.000 anni. I manufatti in pietra e le ossa di animali lasciati dagli antichi cacciatori-raccoglitori del Paleolitico furono rapidamente ricoperti dalla polvere glaciale che soffiava da nord sui famosi venti di maestrale, mantenendo i resti ben conservati. Dal 1990, un team di ricerca ha studiato attentamente i 3 metri più alti di sedimento sul pavimento della grotta. Basandosi su manufatti e fossili di denti, hanno scoperto che Mandrin riscrive la storia di quando gli esseri umani moderni si sono fatti strada per la prima volta in Europa. 

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND 

A parte un possibile impulso sporadico registrato in Grecia durante il Pleistocene medio, i primi insediamenti di esseri umani moderni in Europa sono stati limitati da circa 45.000 a 43.000 anni fa. I ricercatori generalmente concordano sul fatto che tra 300.000 e 40.000 anni fa, i Neanderthal e i loro antenati occuparono l’Europa. Di tanto in tanto, durante quel periodo, hanno avuto contatti con gli esseri umani moderni nel Levante e in alcune parti dell’Asia. Poi, tra 48.000 e 45.000 anni fa, gli umani moderni - essenzialmente noi - si espansero in tutto il resto del mondo e i Neanderthal e tutti gli altri umani arcaici scomparvero. Gli archeologi hanno trovato prove fossili in diversi strati del sito. Più in basso scavavano, più indietro nel tempo potevano vedere. Gli strati più bassi mostravano i resti dei Neanderthal che occuparono l’area per circa 20.000 anni. Ma con loro completa sorpresa, il team ha trovato il dente di un bambino di Homo sapiens in uno strato risalente a circa 56.000 anni fa, insieme ad alcuni strumenti di pietra realizzati in un modo che non era associato ai Neanderthal. L’evidenza suggerisce che questo primo gruppo di umani visse nel sito per un periodo relativamente breve, forse circa 2.000 anni dopo che il sito non era più occupato. I Neanderthal tornano quindi, occupando il sito per diverse migliaia di anni, fino a quando gli umani moderni ritornano circa 44.000 anni fa. 

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND - Queste schegge neroniane non hanno una tecnologia equivalente tra i gruppi di Neanderthal che vissero prima e dopo l'arrivo dei primi umani moderni a Mandrin. 

La scoperta curiosa, emersa durante il primo decennio di scavi della Grotta di Mandrin, sono stati 1.500 minuscole schegge triangolari di pietra identificati in quello che è stato etichettato come Strato E. Alcune lunghe meno di 1 centimetro, tali schegge assomigliano a punte di freccia. Non hanno corrispondenti, a livello di esecuzione tecnica, né precursori né successori in nessuno degli 11 strati archeologici circostanti di manufatti dei Neanderthal nella grotta. Strumenti realizzati allo stesso modo erano stati trovati in pochi altri siti nella valle del Rodano e anche in Libano, ma fino ad ora gli scienziati non erano sicuri di quale specie umana li avesse prodotti. Rappresentano, dunque, un unicum rispetto a tutti i manufatti musteriani di Mandrin. In base alle loro caratteristiche distintive è stata data loro un’attribuzione culturale unica, la “Neroniana”, dal sito della Grotta de Néron, dove furono rivenuti la prima volta. 

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND  

Chi li ha fatti? Anche una manciata di altri siti nella media valle del Rodano contengono questi piccoli frammenti. Senza appigli per un confronto diretto, , archeologa presso l’Università di Aix-Marseille e ricercatore affiliato in Antropologia dell’Università del Connecticut, ha cercato in una regione in cui gli esseri umani moderni vivevano stabilmente 54.000 anni fa: il Mediterraneo orientale. In particolare, il sito di Ksar Akil vicino a Beirut, che conserva quella che potrebbe essere la documentazione paleolitica più lunga e ricca di tutta l’Eurasia. Le analisi dei manufatti in pietra di Ksar Akil mostrano uno strato di sedimenti di età simile con minuscole schegge della stessa dimensione e realizzate secondo le stesse tradizioni tecniche di quelli di Mandrin. Questa somiglianza suggerisce che i manufatti neroniani non sono stati realizzati dai Neanderthal, ma da un gruppo di esploratori umani moderni che entrarono nella regione molto prima di quanto gli scienziati si aspettassero. 

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND

L’ultimo pezzo del puzzle è arrivato nel 2018, quando , paleoantropologo dell’Università di Bordeaux, ha analizzato i denti di nove ominidi, trovati nei diversi strati durante gli scavi. Attraverso le scansioni TC e confrontandoli con centinaia di altri fossili, gli scienziati sono stati in grado di determinare che il dente dello strato E di Mandrin, un singolo dente da latte di un bambino di età compresa tra 2 e 6 anni, proveniva da un essere umano della prima età moderna e non da un Neanderthal. Sulla base delle tecnologie delle punte di pietra e dei loro contesti in altri siti, insieme a queste prove fossili, hanno concluso che i creatori delle punte neroniane a Mandrin erano esseri umani moderni. 

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND 

Ma le scoperte di Mandrin non si fermano qui. In tutti gli strati del sito ci sono frammenti delle pareti e del tetto del rifugio che sono caduti e sono stati sepolti, insieme ai fossili e ai manufatti. Quando i Neanderthal e gli esseri umani moderni accendevano fuochi nel sito, il fumo lasciava uno strato di fuliggine su quelle superfici. Quindi la stagione successiva un sottile strato di carbonato di calcio chiamato speleothem lo copriva. Questo ciclo è stato ripetuto più e più volte. I ricercatori hanno scoperto per la prima volta questi frammenti di volte fuligginose nel 2006 e il team ne ha recuperati migliaia, anno dopo anno, in ogni strato archeologico di Mandrin. Un decennio di lavoro ha dimostrato che questi schemi possono essere letti come gli anelli degli alberi per dirci con quale frequenza e durata i gruppi hanno visitato il sito, dimostrando che diversi gruppi umani sono arrivati a Mandrin circa 500 volte in 80.000 anni. Ségolène Vandevelde è stato persino in grado di determinare quanto tempo ha separato l’ultimo fuoco di Neanderthal dal primo fuoco umano moderno nella grotta, dimostrando un’alternanza tra le due razze. Dopo aver occupato Mandrin, ogni anno per circa 40 anni, una o due generazioni di Sapiens scomparve altrettanto rapidamente e misteriosamente come era apparsa. I Neanderthal poi rioccuparono regolarmente Mandrin nei successivi 12.000 anni. 

FOTO ©Laure Metz e Ludovic Slimak , CC BY-ND

Come hanno fatto questi umani moderni ad arrivare così presto nell'Europa occidentale? , docente di Antropologia e vicedirettore del Turkana Basin Institute, ha dimostrato che le prove archeologiche dall’Australia indicano che gli esseri umani moderni hanno raggiunto il nostro continente già 65.000 anni fa. Ovviamente avrebbero avuto bisogno di una barca per attraversare l’oceano aperto per arrivarci. Pertanto, non è un’esagerazione supporre che le persone nel Mediterraneo abbiano avuto accesso alle tecnologie nautiche 54.000 anni fa e le abbiano utilizzate per esplorare le coste. Sappiamo dalle posizioni di origine della selce utilizzata per realizzare i manufatti nelle grotta di Mandrin che sia i Neanderthal sia gli umani moderni vagavano ampiamente, per almeno 100 chilometri, in tutte le direzioni intorno al sito. Come hanno fatto gli esseri umani moderni a conoscere tutte queste risorse su un paesaggio così ampio e vario in così poco tempo? Avevano rapporti con i Neanderthal? Avrebbero potuto scambiarsi informazioni o fungere da guide? È stato questo un momento in cui i due gruppi si sono incrociati? Determinare l’entità della sovrapposizione tra gli esseri umani moderni e altri ominidi in Eurasia, come i Neanderthal e i Denisoviani, è fondamentale per comprendere la natura delle loro interazioni e cosa ha portato alla scomparsa degli ominidi arcaici.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 403346