17 Mar
17Mar

a cura della redazione, 17 marzo

Una matrice in bronzo inedita e sconosciuta di San Giorgio che uccide il drago è stata scoperta nel castello reale di Villers-Cotterêts, nel nord della Francia. L'armatura del cavaliere (con l'uso di un elmo chiuso "da giostra") fa risalire il misterioso sigillo all'inizio del XV secolo. Non è elencato in nessun archivio però. Il castello fu costruito nel 1528. La sua più grande fama deriva dall'essere stato il luogo in cui il re Francesco I firmò l'Ordinanza di Villers-Cotterêts, l'editto che sostituì il latino con il francese in tutti gli atti ufficiali di legge e di governo, in agosto del 1539. È la più antica legge francese ancora in vigore nei tribunali francesi oggi. Gli archeologi stanno scavando nella tenuta reale dal 2020. Il sigillo è stato scoperto in una sacca di carbone in una stanza nell'ala nord del castello. Le matrici dei sigilli erano di grande importanza nel Medioevo, unico mezzo per confermare l'autenticità di una firma, e come tali venivano abitualmente distrutte o seppellite con il proprietario dopo la morte. Il fatto che uno venisse gettato nella brace è stato quasi certamente perso per caso, forse da qualcuno che si scaldava davanti a un caminetto, ed è stato inavvertitamente scartato con le ceneri dal personale. 

FOTO ©Serge Le Maho, INRAP

La matrice del sigillo è circolare con un supporto traforato sul retro da cui il sigillo potrebbe essere indossato su una catena attorno al collo o legato a una cintura. È cavo inciso sul dritto con un cavaliere a cavallo in armatura a piastre complete. Sotto le gambe del cavallo impennato c'è un drago. È delimitato da un bordo bordato e con la scritta "IP PRI/EUR / DEVILLERS / LESM / OINE". L'iscrizione indica che il sigillo apparteneva al priore del monastero di Saint-Georges, a Villers-les-Moines, dipendente dall'abbazia di-la-Chaise-Dieu (in Auvergne). Situato a circa 1 km a nord-est del castello di Villers-Cotterêts, questo priorato è scarsamente documentato. Fu trasformato in un convento benedettino (Saint-Rémy-Saint-Georges) nel XVII secolo. 

FOTO ©Serge Le Maho, INRAP

Di questo priorato si sa molto poco, il che rende la scoperta del sigillo del priore ancora più storicamente significativa. Qualche curiosità sui sigilli: sono l'impronta, solitamente su cera, di immagini e/o caratteri incisi in un oggetto di pietra o bronzo chiamato matrice (per estensione, il termine designa anche questa matrice). Apparendo in Mesopotamia nel VII millennio, il sigillo precede leggermente la scrittura. In Francia fu ripreso dall'alto medioevo dai sovrani Merovingi e divenne un diritto sovrano. A partire dal X secolo questo monopolio regio crollò nel tempo a vantaggio dei vescovati, dei principi, del ceto signorile e delle città. Nel XIII secolo, il sigillo era ovunque nella società medievale. Nel Medioevo era l'unico mezzo per autenticare un documento, cristallizzando sulla loro piccola superficie aspirazioni politiche e sociali, modalità di rappresentanza, usi diplomatici e giuridici ma anche pratiche antropologiche. Poche matrici di sigillo sono sopravvissute: alla morte del detentore del sigillo la matrice veniva rotta, fusa o, più raramente, seppellita con il suo proprietario.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334