14 Jun
14Jun


a cura della redazione, 14 giugno

Circa 1.800 anni fa, un convertito al giudaismo di nome Yaakov (Giacobbe) morì e fu sepolto in una grotta a Beit She'arim. Dalla scritta, in greco, dipinta in vernice scarlatta, sappiamo che era un convertito al giudaismo, perché il riferimento completo al defunto è "Yaakov HaGer": Giacobbe il Proselito. Accanto al suo nome un esagono progettato per scoraggiare i ladri di tombe, che sembra essere stato scarabocchiato sulla lastra di calcare nel sangue. 

Grotta dei Cavalieri a Beit She'arim, con scritte greche antiche ben conservate  FOTO ©Hanay, Wikimedia Commons. La necropoli, situata a 62 miglia a nord-ovest di Tel Aviv, comprende una serie di catacombe risalenti al II-IV secolo d.C. I luoghi di sepoltura di Beit She'arim descrivono in dettaglio la sua storia diversificata, con opere d'arte e iscrizioni di artisti greci , aramaici ed ebrei antichi. La grotta principale è stata scoperta dai ricercatori un anno fa. Recentemente sono state scoperte grotte più piccole al suo interno. Gli archeologi considerano la tomba di Yaakov HaGer un ritrovamento significativo, perché è la prima in assoluto che viene identificato in questo sito il sepolcro di un convertito.

Beit She'arim era una città ebraica nella Bassa Galilea durante il periodo romano, sorto alla fine del I secolo d.C.. Dopo la totale distruzione di Gerusalemme nel 70 d.C., la città divenne un centro di cultura ebraica. Qui si trasferì il Consiglio ebraico del Sinedrio. Tra i defunti sepolti nella necropoli della città c'erano saggi ebrei, tra cui il famoso rabbino Judah il Principe, redattore ed editore della Mishnah nel II secolo. Sebbene la necropoli fosse stata studiata in modo piuttosto approfondito, la catacomba in cui era stato sepolto Yaakov HaGer era rimasta sconosciuta fino all'anno scorso, quando fu trovata per caso. Si è scoperto che faceva parte di un complesso di grotte funerarie interconnesse. 

Sebbene non si sappia nulla della persona che ha scritto l'avvertimento, un archeologo dell'Università di Haifa ha affermato che il messaggio è stato iscritto nel tentativo di assicurarsi che il luogo di riposo dei morti rimanesse indisturbato.

All'interno della camera più interna, i ricercatori hanno scoperto non una, ma due iscrizioni in greco, con vernice rossa che sono state decifrate da Jonathan Price, professore di Storia Antica all'Università di Tel Aviv. La piccola iscrizione dipinta in rosso su una parete calcarea vicino alla loggia funeraria dice semplicemente "Giuda" e si riferisce al proprietario della tomba, ipotizzano i ricercatori.  

Ma è la più grande delle iscrizioni che intriga. Realizzate con un'inquietante pittura rossa, le otto linee su una lastra di pietra lasciata appoggiata all'apertura dell'alcova funeraria dicono: "Giacobbe il Proselito giura di maledire chiunque voglia aprire questa tomba, così nessuno l'aprirà. Aveva 60 anni". L'ultima parte relativa alla sua età sembra essere in una scrittura diversa. I ricercatori pensano che potrebbe essere stata scritta da qualcun altro dopo la sua morte. È difficile sapere da quale culto il defunto Yaakov si fosse convertito e quanto sia stato devoto nella sua nuova fede. In teoria avrebbe potuto essere uno dei primi cristiani, o appartenere a uno dei culti "pagani", come i culti di Iside o Mitra, che prosperarono nel periodo tardo romano. Gerusalemme, infatti, è disseminata di resti delle sepolture dei convertiti al Giudaismo durante il secondo e il terzo secolo.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334