01 Jun
01Jun

a cura della redazione 1 giugno

Durante la stagione 2021 del progetto "Conservazione architettonica e finiture decorative di El Palacio" è stata rinvenuta, nella Zona Archeologica di Palenque, Chiapas, una rappresentazione del giovane Dio del Mais. La scoperta è stata annunciata, però, solo ieri, a distanza di un anno, dall'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH). È il primo ritrovamento sul sito, di una testa stuccata di questa importante divinità del pantheon Maya. La rappresentazione della divinità, di oltre 1.300 anni fa, è stata trovata in un corridoio dell'edificio. La novità più interessante è che la scultura risulta "l'asse" di un rito celebrato in uno stagno artificiale, con un sistema di drenaggio altamente sofisticato, per emulare l'ingresso della divinità negli Inferi, attraverso l'immersione. La vasca presenta due livelli per la seduta e per gli stanti, con una marcata pendenza che va da est a ovest, fino a un piccolo congegno per drenare l'acqua. I ricercatori hanno anche individuato dietro il muro di contenimento un altro foro, che si pensa porti a una stanza di compensazione. Il drenaggio presumibilmente aveva un tappo per lasciare salire l'acqua fino a un certo livello, permettendo di avere uno specchio di approssimativamente 8 centimetri, nel quale era possibile vedere il riflesso dell'Astro lucente, ma anche quello del cosmo.

VIDEO ©INAH TV

L'Istituto ha riferito che nel luglio dello scorso anno, l'équipe interdisciplinare che lavora al progetto ha riscontrato un meticoloso allineamento delle pietre, mentre rimuoveva il riempimento da un corridoio che collega le stanze della edificio B di El Palacio con quelle dell'adiacente ediificio F. All'interno di un ricettacolo semiquadrato, formato da tre pareti, e sotto uno strato di terra smossa, sono emersi il naso e la bocca semiaperta della divinità. Man mano che l'esplorazione procedeva, si scoprì che la scultura era al centri di una ricca offerta collocata su una vasca con pavimento e pareti stuccate (larghezza circa un 1 per 3 metri di lunghezza), costruita con cura e sapienza architettonica per emulare l'ingresso del dio agli Inferi, ricreando un ambiente acquatico, simbolo della purificazione e della nascita nuova vita. Questa scoperta ci permette di comprendere come anche gli antichi Maya di Palenque praticassero un rito di passaggio iniziatico di nascita, morte e Resurrezione. Anche la testa stuccata, lunga 45 centimetri, larga 16 centimetri e alta 22 centimetri, aveva un orientamento est-ovest , che simboleggiava la nascita della pianta del mais con i primi raggi del Sole. 

 FOTO ©Gibran Huerta - INAH

L'archeologo González Cruz e i suoi colleghi, Carlos Varela Scherrer e Wenceslao Urbina Cruz, che hanno partecipato come responsabili degli scavi, hanno spiegato che la scultura, modellata attorno a un supporto in pietra calcarea, ha caratteristiche aggraziate: “Il mento è affilato, pronunciato e diviso; le labbra sono sottili e sporgenti verso l'esterno – quella inferiore leggermente verso il basso – e mostrano gli incisivi superiori. Gli zigomi sono fini e arrotondati, mentre gli occhi sono allungati e sottili. Dalla fronte ampia, lunga, appiattita e rettangolare, nasce un naso largo e pronunciato”. Un altro vestigio, piuttosto significativo, sono i frammenti di una lastra a treppiede su cui è stata collocata la scultura, che in origine era stata concepita come una testa mozzata. Nel 2018, nello stesso edificio fu rinvenuta una maschera più piccola, poco distante dal ritrovamento della testa del giovane Dio del Mais, che riproduce un volto, presumibilmente della stessa divinità, più vecchia, consolidando le ipotesi che si tratti di un luogo dove veniva celebrato un rito di passaggio.

FOTO ©Progetto Archeologico Palenque - INAH

Il gigantesco volto del dio solare era stato posto sotto una coltre di sedimenti rituali, tra cui vegetali, animali ossa di animali (quaglia, tartaruga bianca, pesce bianco e cane domestico), conchiglie, torte di granchio, frammenti di ossa lavorate, pezzi di ceramica, tre frazioni di figurine antropomorfe in miniatura, 120 pezzi di lame di ossidiana, una porzione di perline di pietra verde, due perle di conchiglia, così come semi e piccole lumache. La disposizione di questi elementi era costituita concentricamente e non da strati, coprendo quasi il 75% della cavità, che era sigillata con pietre sciolte. Alcune ossa di animali erano state cotte e altre mostravano segni di carne e impronte di denti. Indizi che hanno portato i ricercatori a ipotizzare che siano state utilizzate per il consumo umano come parte del rituale.

FOTO ©Progetto Archeologico Palenque - INAH

L'INAH ha evidenziato che, per la tipologia ceramica della piastra a treppiede che accompagnava la testa del "giovane Dio del Mais tonsurato", descrizione che allude ai capelli tagliati del numen, che ricordano il mais maturo, il contesto archeologico è databile intorno al periodo tardo classico (700-850 d.C.). Per González Cruz, è probabile che questi rituali notturni abbiano avuto inizio durante il governo di K'inich Janaab' Pakal I (615-683 d.C.), e siano continuati durante quelli di K'an Bahlam II (684-702 d.C.), K'an Joy Chitam II ( 702-711 d.C.) e Ahkal Mo' Nahb' III (721-736 d.C.). Forse sotto il regno di questi ultimi quello spazio fu chiuso in modo simbolico, rompendo una porzione del pavimento in stucco dello stagno e rimuovendo parte del riempimento edilizio, per depositare una serie di elementi rituali. 

FOTO ©Progetto Archeologico Palenque - INAH

Sopra l'offerta fu posta una lastra di calcare con una piccola perforazione – lunga 85 centimetri per 60 centimetri di larghezza e 4 centimetri di spessore - ma non prima di “sacrificare” la piastra del treppiede, che era quasi spezzata della metà e di una porzione, con uno dei suoi sostegni collocato nel foro della lastra. Veniva quindi un letto semicircolare di cocci e piccole anime di pietra, su cui era posta la testa della divinità, che veniva sorretta lateralmente con gli stessi materiali. Infine, l'intero spazio sarebbe stato chiuso con terra e tre muretti , lasciando la testa del giovane dio del mais all'interno di una specie di scatola, dove rimase nascosta per oltre un millennio. L'opera, rinvenuta in un contesto di umidità, è attualmente in fase di graduale essiccazione, per poi dare il via al suo restauro, per il quale sono stati incaricati gli specialisti del Coordinamento Nazionale per la Conservazione dei Beni Culturali dell'INAH.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334