07 Apr
07Apr

FOTO ©Leonardo Vallini, Giulia Marciani


a cura della redazione, 7 aprile

Gli antichi resti umani rinvenuti nella grotta di Bacho Kiro (nell'odierna Bulgaria) e recentemente descritti geneticamente  sono stati segnalati come strettamente correlati agli asiatici orientali contemporanei rispetto agli europei contemporanei. Sono stati proposti diversi scenari per spiegare tale scoperta, ma il risultato sconcertante finora ha sollevato più domande che risposte riguardo agli antichi movimenti delle popolazioni che potrebbero spiegare la presenza di individui geneticamente dell'Asia orientale in Europa circa 45.000 anni fa. Uno studio pubblicato su Genome Biology and Evolution ha tentato di risolvere questo mistero, collocando quegli individui nel più ampio contesto dei genomi umani del Paleolitico eurasiatico e comparando le analisi genetiche alle prove archeologiche. 

©Leonardo Vallini , Giulia Marciani , Serena Anelli , Eugenio Bortolini , Stefano Benazzi , Telmo Pievani , Luca Pagani 2022 - Genome Biology and Evolution , Volume 14, Numero 4, aprile 2022

Lo studio è stato condotto da Leonardo Vallini e dal Prof. Luca Pagani, dell'Università di Padova  in collaborazione con la Dott.ssa Giulia Marciani e il Prof. Stefano Benazzi dell'Università di Bologna , Italia. Nello scenario proposto dagli autori, la colonizzazione dell'Eurasia orientale e occidentale è stata caratterizzata da diversi eventi di espansione ed estinzione locale dovuti a un hub, dove gli antenati di tutti gli eurasiatici prosperarono dopo essersi avventurati per la prima volta fuori dall'Africa circa 70.000-60.000 anni fa. Una precoce, fallita espansione dell'Homo sapiens ebbe luogo prima di 45 mila anni fa . L'unico rappresentante di quella migrazione, che non è imparentata né con gli europei moderni né con gli asiatici moderni, è stato recuperato da Zlatý kůň, nell'attuale Repubblica Ceca e non è ancora chiaro quanto fosse diffuso. “Poi, intorno ai 45.000 anni fa, una nuova espansione promanò dall'Hub e colonizzò un'ampia area che va dall'Europa all'Asia orientale e all'Oceania ed è associata a un modo di produrre utensili in pietra noto come Paleolitico Superiore Iniziale” afferma Leonardo Vallini , primo Autore di lo studio.

©Leonardo Vallini , Giulia Marciani , Serena Anelli , Eugenio Bortolini , Stefano Benazzi , Telmo Pievani , Luca Pagani 2022 - Genome Biology and Evolution , Volume 14, Numero 4, aprile 2022

Il destino di questi coloni fu diverso in Asia orientale e in Europa: mentre nei primi resistettero e alla fine portarono alla formazione delle moderne popolazioni dell'Asia orientale, i rappresentanti europei di questa espansione declinarono e in gran parte scomparvero , lasciando il Bacho Kiro , l'elusivo individuo di Oase dalla Romania e pochi altri rimane l'unico testimone di questo primo popolamento dell'Europa. "È curioso notare che, più o meno nello stesso periodo, si estinsero anche gli ultimi Neanderthal", racconta Giulia Marciani , dell'Università di Bologna e coautrice dello studio. "Infine, un'ultima espansione si è verificata qualche tempo prima di 38.000 anni fa e ha ricolonizzato l'Europa dallo stesso hub di popolazione, la cui posizione deve ancora essere chiarita", riassume Luca Pagani , autore senior dello studio. "Sebbene anche in Europa ci fossero interazioni occasionali con i sopravvissuti dell'ondata precedente, un'estesa e generalizzata mescolanza tra le due onde si è verificata solo in Siberia, dove ha dato origine a una peculiare ascendenza nota come Ancestral North Eurasian, che alla fine ha contribuito all'ascendenza dei nativi americani".

©Leonardo Vallini , Giulia Marciani , Serena Anelli , Eugenio Bortolini , Stefano Benazzi , Telmo Pievani , Luca Pagani 2022 - Genome Biology and Evolution , Volume 14, Numero 4, aprile 2022

Questa migrazione è associata ad un diverso complesso culturale denominato Paleolitico superiore, che caratterizza i principali siti paleolitici europei. “È interessante notare che, da una prospettiva culturale, questi nuovi strumenti di pietra sono stati spesso descritti come un'assemblea indipendente piuttosto che uno sviluppo locale di tecnologie preesistenti in Europa: è piacevole vedere che le informazioni genetiche e culturali possono essere conciliate sotto uno scenario complessivo”, conclude  Telmo Pievani , dell'Università di Padova. Gli autori concludono che ulteriori sforzi dovrebbero essere diretti a chiarire la posizione geografica dell'hub e a identificare sia le cause interne che esterne alla base di questi antichi movimenti di popolazione, nonché le dinamiche culturali associate.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©XPublishing2022 🌐www.xpublishing.it⠀📧 info@xpublishing.it⠀⁠☎️ 0774 40334